quote scommesse calcio

Convertire la Quota nella sua Probabilità implicita

Quando si piazzano le scommesse sugli eventi sportivi la vincita non è solo funzione dell’aver fatto la scelta giusta, ma anche delle probabilità che la selezione sull’evento scelto possa concretamente realizzarsi.

Probabilità implicita e probabilità stimata sulle scommesse

A tal fine è importante non solo il concetto di quota, ma anche quello relativo alla cosiddetta probabilità implicita il cui valore percentuale è pari all’inverso della quota stessa.

E questo perché, se la probabilità assegnata all’esito di un evento sportivo è superiore alla probabilità implicita, allora sulla scommessa può celarsi un valore importante che è quello, non di poco conto, relativo a più chance di poter passare alla cassa.

Scommesse sportive e probabilità, esempio

Per esempio, se su una partita di calcio il segno 1 è quotato a 1,65, allora la probabilità implicita sarà pari a 1 diviso 1,65, ovverosia a 0.606 che corrisponde al 60,6%.

Se la probabilità attribuita all’uscita del segno 1, in tal caso, è superiore al 60,6% fissato dal bookmaker online, allora ha senso piazzare la giocata in quanto come scommettitore si intravede un potenziale di vincita superiore rispetto a quello che viene offerto per la scommessa.

Lo stesso discorso relativo alla probabilità stimata ed a quella implicita può essere fatto, oltre che per le quote scommesse decimali, anche per le quote frazionali e per le quote scommesse americane.

Quote e probabilità scommesse, gli obiettivi del bookmaker

Detto questo, altrimenti salterebbe il banco, è chiaro che il bookmaker, per quel che riguarda le scommesse, sia l’ultimo soggetto a voler rischiare, ragion per cui, pur in presenza di uno scarto tra la probabilità stimata dallo scommettitore, e la probabilità implicita, l’offerta relativa alle quote sugli eventi sportivi viene in ogni caso tarata e modulata in modo tale da attrarre entrambi le parti del mercato.

Il bookmaker, infatti, da un lato deve offrire sugli eventi sportivi delle quote allettanti, altrimenti gli scommettitori andrebbero ben presto a scegliere altri operatori presenti sul mercato, e dall’altro deve nello stesso tempo andare a bilanciare le proprie perdite.

Il valore delle quote per scommesse di successo nel lungo termine

Le quote scommesse di bookmaker, di conseguenza, non vanno semplicemente accettate, ma vanno analizzate, e vanno convertite come sopra indicato nella loro probabilità implicita in modo tale che tale percentuale possa essere messa a confronto con la probabilità stimata che è invece il valore della quota attribuito dallo scommettitore.

Il concetto di valore nel mondo delle scommesse è personale, ma grazie all’intuito ed all’esperienza il valore risulterà essere la chiave per poter piazzare le giocate sugli eventi sportivi con successo nel lungo termine. Considerando per esempio il calcio, prima del fischio d’inizio tutte le squadre hanno sulla carta delle chanche di vincita come di perdita.

Partendo dalle quote del bookmaker, fissando la propria probabilità, e convertendo le quote nella probabilità implicita, è possibile assegnare ad ogni evento e ad ogni selezione di una scommessa un valore tale da individuare e pesare quelle che sono le chance di vincita.